Buff - Planet Earth
Seguimi su Buzzoole Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Segui il Canale di Youtube Seguimi su Pinterest

martedì 27 gennaio 2015

Junk food: classifica dieci “cibi spazzatura” nocivi per la nostra salute

Nel mio ultimo post vi ho parlato della " Lista ingredienti dannosi - cosmetici " .
Un argomento importante per la nostra pelle. Ma che mi dite invece del cibo che mangiamo ogni giorno ?
Il titolo del post parla chiaro:

Junk Food " Cibi spazzatura"

Il cibo spazzatura lo troviamo davvero ovunque, dal supermercato al cinema. Per non parlare dei fastfood, e si intendono tutti quei prodotti alimentari ricchi di calorie, senza o con pochissimi principi attivi, pieni di coloranti e sostanze chimiche, di facile e veloce consumazione.
Il termine "Junk-food, fu coniato da Michael F.Jacobson, fondatore del Centro per le Scienze di Pubblico Interesse che, nel 1972, disse: “Le bibite sono la quintessenza del junk food, tutto zucchero e calorie senza nessun nutriente. Gli americani stanno affogando nelle bibite" 
Credete che avesse torto? io penso proprio di no, e adesso scopriremo insieme il perchè. 
Come da titolo vi mostrerò la classifica dei dieci " cibi spazzatura" altamente nocivi per la nostra salute!

10) Pop-corn da microonde. Avete presente quelle buste già confezionate e pronte da cuocere in microonde in pochi minuti? ma secondo voi, preparati in tale modalità sono davvero sicuri?
Ovviamente la risposta è NO! 
I popcorn da microonde sono trattati con molti additivi, tra cui il diacetile, aggiunto ad alcuni alimenti per conferire il gusto burroso. Vari studi hanno constatato che l’inalazione prolungata di diacetile provoca bronchiolite obliterante. Inoltre, il sacchetto per cottura da forno contiene PFOA (acido perfluorottonico), un additivo chimico collegato alla formazione di cancro e grossi problemi alla tiroide.
Quindi mi chiedo io, non è il caso di ritornare alla preperazione tradizionale e far scoppiettare in padella i nostri amati pop- corn?









9) Gelato confezionato. Il gelato e un po' come la pizza. Come si fa a non amarlo? La maggior parte di noi Italiani optiamo per quello artigianale. Il suo gusto unico non è paragonabile a quello confezionato, o mi sbaglio? eppure anche i gelati confezionati non sono niente male. Ma vi siete mai chiesti come riescano ad impedire che il gelato si sciolga facilmente, semplificandone il trasporto e il passaggio sotto il sole? A partire dal 2010, i produttori industriali di gelato possono aggiungere ai loro prodotti la proteina ISP (ice structuring protein) che serve esattamente a svolgere questo tipo di funzione. Nei gelati industriali viene usata una proteina sintetica ricreata in laboratorio, partendo da lieviti di panetteria transgenici. Cosa ne esce fuori? Un bel gelato ogm, col rischio di allergie! I gelati industriali vengono preparati mesi prima del consumo e spesso sono trasportati a lunghe distanze. Latte in polvere,Grassi vegetali idrogenati, grassi vegetali ottenuti con sostanze chimiche, aromi , stabilizzanti ( polisorbati, acidi grassi, mono e digliceridi degli acidi grassi ricavati dal maiale ) , coloranti sintetici ... ne fanno da padrone! Detto ciò, non è meglio  andare a gustarsi un bel cono gelato artigianale, o addirittura crearlo in casa?




8) Pizza surgelata. Ahia. Ed eccola chiamata in causa. La nostra amatissima pizza.
Occhio che non vede, cuore che non duole. E così un po' per tutto, ma è anche giusto aprire gli occhi e darsi una bella svegliata. La pizza surgelata è realizzata con farina industriale, che si ottiene con la macinazione industriale del chicco di grano, privato del cuore del chicco e della crusca (cioè la parte  ricca di fibre), con impoverimento della materia prima. La farina è ricchissima di zuccheri, fortemente depauperata ed  ha il vantaggio di mantenersi a lungo. Il consumo di farina industriale associato ad un aumento della glicemia, incremento dell’insulina e dell’accumulo di grassi depositati. Tutto questo indebolisce il nostro organismo e lo espone maggiormente al rischio di tumori. Quindi, opterei per una bella pizza fatta in casa,  possibilmente con farina integrale o di kamut - o simil -  o magari recarsi in una pizzeria che sicuramente avrà un impasto di gran lunga migliore. 







7) Patatine fritte. Ok, c'è bisogno che spenda  parola per queste? Sono buone, sono dannatamente buone! ma sono così buone che fanno male. Vengono fritte con olio di semi di mais, contenente alte quantità di acidi grassi. Con questo sistema di cottura, il cibo viene reso nocivo, col rischio di esporre l’organismo a malattie cardiache. Ovviamente se fatte in casa tutto questo non accade! Le patatine, per assorbire meno grassi, occorre friggerle un po’ per volta in olio abbondante e ben caldo. E soprattutto è fondamentale che l’olio sia sempre extravergine: contiene una percentuale più bassa di grassi polinsaturi e quindi regge meglio di tutti gli altri oli le alte temperature della frittura senza ossidarsi e produrre sostanze nocive per l’organismo. 






6) Patatine in busta. Sono buone come quelle fritte. Lo stuzzichino ideale per le feste, per un film, e per stare in compagnia di amici. Ebbene anche queste hanno gli stessi componenti di quelle fritte, ma percentuali nettamente maggiori di acrilamide. 






                


5) Wurstel. I nostri amatissimi Wurstel dalla forma simpatica e dal sapore unico. Ma vi siete mai chiesti com'è fatto un wurstel? Innanzitutto, e formato da carne separata meccanicamente. Si tratta di un sottoprodotto ottenuto dalla macellazione della carcasse di pollo che finiscono sotto presse a bassa pressione ed ottengono quel colorito tanto carino simile al rosa. Di cosa è composto il wurstel? Uno dei tanti elementi è il : nitrito di sodio, composto chimico utilizzato per sterilizzare microrganismi annidati nei cadaveri, che consente di utilizzare il prodotto il più a lungo possibile. Cosa si ottiene? Cancro allo stomaco o al fegato, causato dalla reazione con altri composti organici presenti nello stomaco chiamati ammine. Ho detto tutto. 





4) Cornetti e dolci fritti. E qui vi troviamo cornetti e dolci da forno fritti. Alimenti comuni di molti italiani. I grassi contenuti in questi prodotti, essendo idrogenati, sono estremamente nocivi e causano malattie collegate a cuore e cervello. abbassano il colesterolo buono ed aumentano quello cattivo. Molto, ma molto buoni... già!








3) Salumi. Ve li aspettavate nella lista? io credo di si. Inizio subito col dire che due fette di pancetta al giorno aumenterebbero del 20% il rischio di sviluppare il cancro all’intestino. 50 grammi di carne lavorata al giorno (pancette e salsicce) aumentano del 42% il rischio di malattie cardiache e del 19% quello di diabete di tipo2. I maggiori implicati sono i conservanti di nitrato, che causano un accumulo di depositi duri nelle arterie, riducendo la capacità dell’organismo di gestire gli zuccheri, che a loro volta possono aumentare il rischio di diabete e di malattie cardiache. 
Si salvi chi può! 








2) Bibite analcoliche gassate. BOOM! non potevano mancare, non vi pare? sono sempre stata contro e ne faccio tranquillamente a meno. Provocano demineralizzazione ossea nel corpo, con possibile aumento delle fratture, difficoltà di assorbimento del ferro che può portare anemia. Il colore delle bevande alla cola è dovuto aad un additivo: l’E150 (colorante caramello solfito-ammoniacale, associato a carenza di vitamina B6, importante per metabolizzare le proteine e per la salute del sangue ( la mancanza di vitamina causa anemia, depressione, iperattività, bassi livelli di glucosio nel sangue). Le bibite addizionate con anidride carbonica ( note come bibite analcoliche, gassate, sode) sono bevande contenenti anidride carbonica disciolta. L’effervescenza è determinata dall’acido carbonico diluito, che induce una lieve sensazione di scottatura. Le bibite analcoliche gassate contengono moltissimi zuccheri. L’impiego di sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS) è associato alla scarsa formazione di colagene in animali in fase di sviluppo (in quanto interferisce con l’assorbimento del rame). Se consumate frequentemente, lasciano nella bocca un residuo acido, che abbassa la naturale alcalinità della saliva. Questo squilibrio attira i sistemi di riparazione naturali dell’organismo che, per invertire il livello di acido nel PH, utilizza ioni di calcio resi disponibili dai denti, intaccando così lo smalto. Uno studio rivela che bere bibite gassate FA MALE COME IL FUMO. 





1) Bibite light. E qui, non ci siamo spostati di pocoMa la cosa divertente sapete qual'è? che fanno quasi, quasi più male delle bibite normali. Hanno gli stessi acidi delle bevande gassate standard. Gli acidi provocano l’infiammazione dello stomaco e del rivestimento intestinale, erodendo il rivestimento gastrico. Le bevande light contengono aspartame, un dolcificante artificiale. L’aspartame induce un aumento dell’incidenza di linfomi e leucemie maligne del rene dei ratti femmine e tumori maligni dei nervi periferici dei ratti maschi. Lo studio concluse che l’aspartame è un agente cancerogeno, in grado di indurre tumori maligni nei ratti, anche a dosi ammesse per l’alimentazione umana. 


La lista è lunga, ma questo dovrebbe bastare per farvi aprire gli occhi. Non abusate di questi alimenti. Ne vale della nostra salute!

Che dire di più: E noi ... mangiamo!

2 commenti:

  1. Non me ne parlare... è bruttissimo uscire e dover rinunciare a patatine, bibite ecc :(

    RispondiElimina
  2. uhhh in effetti troppe schifezze :p e come dici tu almeno facciamo quel che si puo' nella vecchia maniera con la padella per i popcorn ad esempio e le patatite con le patate vere :p

    RispondiElimina