Buff - Planet Earth
Seguimi su Buzzoole Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Aggiungimi su Google+ Segui il Canale di Youtube Seguimi su Pinterest

sabato 1 novembre 2014

Il Coni tessera i videogiocatori come “sportivi” a tutti gli effetti.



Avete capito bene: i più bravi players dei videogiochi sportivi saranno a tutti gli effetti considerati dei veri e propri atleti con tanto di tesseramento e riconoscimento a livello internazionale. Inseriti in una particolarissima categoria, quella dei top-players dei Giochi Elettronici Competitivi.
I giochi riconosciuti sinora sono: League of Legends, Fifa, Heroes of the Storm, Dota 2, Hearthstone, Starcraft 2, Street Fighter, Tekken, The King of Fighters.


Per la prima volta, quindi, i giocatori di videogiochi saranno riconosciuti degli sportivi e saranno tesserati come tali. Pietro Soddu, direttore operativo di GEC, ha spiegato:
E’ il primo settore riconosciuto istituzionalmente e nasce dalla presentazione dell’eSport sotto tutti gli aspetti, dall’agonismo, la competizione e la dedizione che i giocatori usano per competere, che sono gli stessi di qualsiasi altra disciplina sportiva.
Il 2014 è l’anno perfetto per osservare l’importanza di questo nuovo movimento: il Sangam Stadium di Seul è stato riempito da 40amila persone per le finali dei mondiali del titolo di Riot Games, League of Legends. E questo è solo un esempio.



La parola d’ordine è: gettare le basi continua Soddu:
Vogliamo avvicinare le persone al concetto di gioco e istruire sul come giocare, in modo anche competitivo, nel rispetto della salute e della persona. Tutto questo con lo scopo di allineare l’Italia al resto del mondo dove la presenza di queste realtà è assai solida.
Sul sito di GEC è possibile trovare tutte le news riguardanti gli eventi e le novità del settore, oltre alle date, le dirette e i reportage sui tornei ufficiali sparsi per il territorio italiano.
Grazie alla collaborazione con alcuni player professionisti italiani inoltre sarà possibile imparare a giocare, o affinare le proprie abilità, attraverso dei video, con la speranza di migliorarsi in base alla propria dedizione.


4 commenti:

  1. Meglio non far leggere certe cose al mio ragazzo... potrebbe gasarsi ancora più del dovuto :'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ti capisco :D anche io sono cosi :P

      Elimina
  2. Me ne avevano parlato oggi ma non ci credevo... e concordo sul tenerlo nascosto a certe persone :)

    RispondiElimina
  3. Ottimo blog!
    vieni a trovarci, ti aspettiamo ;)

    Mamma in Progress

    RispondiElimina